Il giorno dopo NataleSanto Stefano è sempre il giorno dei buoni propositi...

Arriva quel momento del 26 dicembre in cui sei pieno come un otre per tutto quello che ti sei scofanato alla Vigilia (tra pesci, pesciotti, anguille marinate e tortelli di zucca - eh sì perché alla Vigilia si sta leggeri, ed il Capitone è talmente leggero che lo digerirai a Carnevale- ) e poi durante il Pranzo di Natale (in cui non fai altro che ripetere "Ne prendo ancora un pò, tanto stasera non mangio" e poi alle 8 cominci a pensare "Però… una pizza, che male può farmi?") e poi a Santo Stefano "The day after" il giorno in cui tutto il panettone, il pandoro, il cioccolato, il panpepato, il mascarpone ed i biscotti allo zenzero (e non provarci… lo zenzero nei biscotti al burro non rafforza le difese immunitarie!)… 

Ecco arriva quel momento in cui prendi una decisione drastica: "Da domani: Dieta!"

E proprio in quel momento arriviamo anche noi: 
ristoratori, cuochi, sommeliers, camerieri e pizzaioli che ti diciamo 

"LASCIA PERDERE! NON PUOI VINCERE CONTRO IL NATALE".

Eh si perché quel momento in cui il mondo è sazio di nenie natalizie, presepi, babbi natale, renne, elfi e Frank Sinatra; 
quel momento in cui i tuoi amici di Facebook hanno già condiviso il loro albero di Natale, la loro tavola imbandita, la loro foto di famiglia, i loro auguri con gattini, cagnolini, pulcini e pinguini; 
quel momento in cui, anche tu, assopito dal passito e stordito dall'ultimo morso di panettone senza canditi e senza olio di palma, decidi di condividere il video degli omini con le foto dei tuoi migliori amici che danzano sulle note di Jingle Bells… 
Ecco quel momento lì, quando stai tra il sonno e la veglia, tra l'indigestione ed il coma etilico, ti rendi conto che il Natale vince sempre. 

Così come la fame. 

Così come la certezza che domani starai già pensando al Cenone di Capodanno.

Iscriviti alla nostra Newsletter