IL PRANZO È SERVITOMAGAZINE AGOSTO

Finalmente è arrivato agosto e con lui le tanto sospirate FERIE!
Qui in osteria quest’anno abbiamo deciso di non chiudere per ferie, ma di alleggerire il carico di lavoro. Vi presentiamo infatti i nostri nuovi orari estivi:

Saremo APERTI a PRANZO a dal lunedì al venerdì con il menu del giorno e alla carta.

Apriremo anche alla DOMENICA SERA con anche la pizza gourmet in forno a legna e lasceremo attivi i servizi di menu DELIVERY prenotabili on-line al Link:
 

DELIVERY



Ed ora lasciateci raccontare un pò quali piatti abbiamo deciso di inserire nella nostra proposta estiva. Qui sopra svettano maestosi i nostri spaghetti al pomodoro fresco ed erbe aromatiche, un classico intramontabile che trovate nel menu del giorno, insieme ad altre proposte di primi piatti, secondi piatti ed insalate.

Sì, però non ci accontentiamo solo del menu del giorno. Per il mese più caldo dell’anno abbiamo pensato ad alcune ricette speciali per stuzzicare i palati più esigenti.

E così è nata la Millefoglie di Baccalà Mantecato: spuma di baccalà e patate, peperoni dolci, verdure, erbe aromatiche e pane carasau.

Il miracolo del pesce venuto dal nord

Voi la conoscete la vera origine della ricetta vicentina del baccalà?

Non è stato l’intuito culinario di un esperto gastronomo a portare i raffinati sapori del baccalà mantecato sulle tavole italiane, ma una tempesta di mare furiosa tra le acque del mare di Norvegia.

Era il 1432. Al largo delle isole Lofoten, oltre il circolo Polare Artico, il patrizio e mercante veneziano Piero Querini naufragava con i suoi 68 marinai. Portato in salvo nell’isola di Rost, notò che gli abitanti si nutrivano di uno strano pesce, fresco o salato, oppure essiccato e battuto al pallido sole artico.

Fece il carico di quel particolarissimo “bastone” (stock – fish, in norvegese da cui “stoccafisso”) e rientrò in una distratta e incurante Venezia, ricca di pesce fresco. 

Ci volle un secolo perché lo stoccafisso ottenesse la sua meritata rivincita, e precisamente, ci vollero le direttive del Concilio di Trento del 1563 che sancirono l’obbligo di astinenza dalla carne per quasi 200 giorni e raccomandarono lo stoccafisso come “piatto di magro” tutti i mercoledì e venerdì, insostituibile nei 40 giorni della quaresima. 

Dalle mani di monache e contadine “il merluzzo venuto dal nord” approdò ben presto alle tavole imbandite di nobili e papi mescolato al mascarpone vellutato, che con la sua dolcezza carezzevole fa dimenticare in un soffio l’aspro umore dello stoccafisso seccato al vento artico.

Ed infine ecco un’altra grande entrata nel menu alla carta dell’osteria: la battuta a coltello di fassona piemontese e wasabi.

Sapori etnici, un leggero pizzichio dovuto al wasabi e la morbidezza straordinaria di una carne naturalmente magrissima.

La carne è quella dei nostri partner della GRANDA, un consorzio di allevatori che protegge e valorizza la razza bovina piemontese di alta qualità.

Il tocco esotico invece è dato dalla maestria con cui lo Chef Marcello accosta gli ingredienti: le verdure mescolate alla salsa verde ricavata dal rapanello giapponese, rinfrescano il sapore della carne e invitano al boccone compulsivo.

PER ASSAGGIARE LE NOVITA’ DEL MENU, prenota il tuo tavolo al 0376598054  (Nel mese di agosto: a pranzo dal lunedì al venerdì e la domenica sera)

PER ORDINARE LA TUA CENA A CASA, ordina ON-LINE dal Menu Delivery.
 

DELIVERY


Vi auguriamo buona estate cari doganieri, ricca di emozioni, abbracci e momenti con le persone che più amate

Ci rivediamo a settembre

Iscriviti alla nostra Newsletter