Tra pochi giorni è Pasqua e dalla nostra cucina arriva un profumo inconfondibile di ragù.
Stiamo preparando le lasagne con ragù bianco di anatra e asparagi, un piatto speciale che delizierà le feste dei nostri doganieri affezionati.

Ma non c’è solo il profumo di lasagne.
L’aria oggi è composta per il 22% di ossigeno e per il 78% di profumo di barbecue.
Difficile resistere al suo fascino primordiale: sulle griglie, nei camini e nei forni si cuoce da migliaia, milioni di anni. E anche noi, stiamo celebrando l’amato rito e cuocendo i nostri cosciotti d’agnello.


Marcello davanti al forno a legna

Lo Chef Marcello ci tiene a darvi 4 consigli per ottenere un agnello perfetto:

1. STROFINARE PRIMA DELLA COTTURA

Si prepara il cosciotto strofinandolo con un condimento secco a base di un mix di spezie a piacere dello Chef. Marcello ama preparare il suo Garam Masala (come fanno in India e in Pakistan) con: sale, rosmarino, zucchero, pepe egiziano, chiodi di garofano, anice stellato, curcuma, semi di cumino, polvere di mango essicato, cardamomo.

2. MARINARE PER 24 ORE

Si immerge il cosciotto in un condimento umido a base di erbe aromatiche, olio e vino (in questo caso abbiamo preferito un onesto lambrusco mantovano… scoprirete perché)

3. USARE UN LEGNO AROMATICO

Il tipo di legna che si utilizza nel camino è molto importante perché come dice Marcello: “La legna sta alla cottura come le spezie alle miscele aromariche: aggiunge sapore a qualunque cibo si cucini”. Per l’agnello utilizziamo vecchi tralci di vite di Lambrusco perché sviluppa temperature molto alte e conferisce un deciso sapore affumicato e “vinoso”.

4. LUCIDARE CON LA SALSA

Dopo aver cotto il cosciotto a puntino, raccogliere i sughi e le verdure e frullarle per ottenere un condimento da versare sulle carni, per mantenerle lucide e succose. Marcello aggiunge erbe aromatiche come la menta per insaporire e dare complessità al piatto.

Ora non vi resta che provare questi suggerimenti durante tutto il mese di aprile. 
Il vostro barbecue vi aspetta.

Panino

Se invece non siete grigliatori professionisti e preferite affidarvi al talento del nostro Chef, abbiamo una novità speciale per voi.
Vi avevamo già annunciato che con l’agnello si può ottenere un perfetto panino gourmet ed è ciò che abbiamo sperimentato con il nuovo:

“PULLED LAMB” il panino che unisce il gusto deciso dell’agnello, la dolcezza delle cipolle caramellate nell’Aceto Balsamico, la salsa di patate e pecorino, le verdure, la nostra maionese e il twist dato dalla menta fresca!

*Disponibile nel menu delivery da venerdì 9 aprile




E ora passiamo alle cose serie: finalmente torniamo a parlare di eventi. E lo facciamo con il più grande ideatore di eventi gastronomici della provincia di Mantova: L’Oste Moreno Sgarbi di Osteria Numero 2 (Stradella - MN).

Insieme a lui e ai ragazzi della Cantina Bugno Martino (San Benedetto Po) abbiamo deciso di proporre “OSPITI IN CUCINA - Delivery Edition”.
Già due anni fa - grazie alla collaborazione con Mantova Golosa - ci scambiammo le cucine: la nostra brigata andò a Stradella a cucinare cappelletti della buonanotte e la loro venne a Moglia a servire Bigoli e Birramisu. Fu un successo!

Oggi, forti dell’amicizia che ci lega e non potendo scambiarci le brigate, abbiamo deciso di scambiarci un piatto del menu delivery.
A partire da venerdì 9 aprile qui da noi troverete: 

LO STINCO DI MAIALINO DA LATTE con crumble di mele (cotto nella birra gluten-free): grande cavallo di battaglia della cucina dell’Osteria Num.2

Mentre invece a Stradella arriveranno le nostre:

LASAGNE CON RAGÙ BIANCO DI ANATRA E ASPARAGI
La limited edition di Pasqua lascerà il nostro menù per migrare a Nord ;-)

Il tutto in abbinamento allo storico Lambrusco ROSSO MATILDE di Bugno Martino.



Restate collegati per vedere come avverrà lo scambio di prodotti.
Appuntamento sui nostri social GIOVEDì 8 APRILE per farsi due risate con noi!



Concludiamo dicendovi GRAZIE cari doganieri, questo mese di aprile sarà un altro mese di solo asporto e delivery, ma grazie a voi supereremo anche questo,

Ci risentiamo a maggio, con il ritorno delle erbe spontanee…e molto altro